Cena di Natale

Ieri sera si è svolta, presso la Trattoria Berta di Pertusio, la cena di natale organizzata dalla delegazione dell’AIS Canavese.
Il menù era il seguente (con i relativi vini in abbinamento):
§ Piccola entré di benvenuto
Deltetto extra brut millesimato 2005 (cristallino,giallo paglierino, perlage fine e persistente; al naso abbastanza intenso, abbastanza intenso e fine, con sentori di lievito e crosta di pane; secco, abbastanza caldo, morbido, fresco sapido, equilibrato, intenso e persistente).
————-
§ Noci di capesante con salsa allo zafferano, finocchi stufati e pomodori confit
§ Crema parmantier con seppie grigliate
§ Terrina di bollito con salse della tradizione
§ Flan di barbabietole con verdure autunnali e leggera bagna cauda
Schiopetto 2007 Tocai Friulano (brillante, giallo paglierino con riflesso verdolino, abbastanza consistente. Intenso, abbastanza complesso e fine: fruttato e floreale con lievi accenni di mineralità. Secco caldo morbido, fresco e spaido, euqilibrato, intenso e abbastanza persistente)
————-
§ Gnocchi di ricotta e spinaci cotti al forno con gorgonzola dolce, pere williams e fegato d’oca
§ Risotto ai funghi porcini con tapinabò croccanti
Malvirà Sauvignon 2007 (brillante, giallo paglierino, abbastanza consistente; abbastanza intenso, abbastanza complesso e fine, con evidenti sentori erbacei e floreali. In bocca secco, abbastanza caldo, morbido, fresco, sapido, di corpo, abbastanza equilibrato)
————-
§ Guancialino d’asino macerato nella birra con purè di patate
Gaja Sito Moresco 2006 (rosso rubino con riflessi granata, consistente, fine; intenso, abbastanza complesso e fine: sentori di frutta rossa in confettura, speziato (vaniglia) e leggermente florale; in bocca secco, caldo, morbido, abbastanza fresco, abbastanza tannico e spaido, di corpo, abbastanza equilibrato, intenso e persistente. Una nota che personalmetne non mi è piaciuta è una “polverosità” sia al naso sia in bocca… magari mi era capitata un bottiglia non al top)…
————-
§ Composta di fragole con ganache al cioccolato e crema al mascarpone
§ Parfait ai cachi con fondente
Moncalvino moscato d’Asti.

La qualità del cibo e dei vini è stata buona: personalmente ho apprezzato molto gli antipasti di terra e il guancialino d’asino (delicatissimo). Il locale è carino, abbastanza informale e per certi versi un po’ vintage.. da ritornare per mangiare alla carta… La serata si è svolta in un clima rilassato e disteso, con piacevoli chiacchere e commenti sulle imminenti prove orali di giovedì. Si è svolta la tradizionale lotteria (purtroppo chi scrive non ha vinto nulla..).

E quindi… buon natale!!

About enofaber