Come fare?

Post tra il serio ed il faceto…
… ci stavo riflettendo ieri con un amico… volendo affrontare questa strada e ampliare le proprie conoscenze nell’ambito dei vini, è necessaria una pratica continua e reiterata, oltre che un costante livello di aggiornamento teorico.
Per quel che riguarda la pratica è ovvio che bisogna fare attenzione al fegato e a non esagerare. Questo è sicuramente un punto di partenza imprescindibile… ma… come fare?
Se si considera che:
– mia moglie non beve praticamente nulla (a meno che non si tratti di particolari muffati o TBA germanici di eccellente fattura…) e quindi non apro bottiglie che sarei costretto a bere da solo…
– ai pasti abituali quindi solo acqua… 🙁
– le degustazioni organizzate dalla delegazione sono una volta al mese
– le cd mezze bottiglie sono prodotte in numero limitato e le tipologie di vino coperte sono poche…
– e poi… il vino è da condividere… o no?

Ripeto come fare?

Si potrebbe andare a fare tutte le sere, prima di tornare a casa un aperitivo… però il tempo è sempre poco e mi sembrerebbe di togliere del tmepo alla famiglia…
Oppure si potrebbe avere più spesso ospiti a cena… ma ho l’idea che mia moglie, alla lunga, non sarebbe molto contenta…. 😉

Urgono consigli e soluzioni….

About enofaber