Cascina Marcellina – Cintano (marzo 2009)

La scorsa settimana siamo tornati alla Cascina Marcellina (ne avevo già parlato in questo post a dicembre 2008).
Non posso far altro che confermare quanto detto in passato: piatti semplici ma curati, sapori genuini e tipicamente piemontesi, in un contesto piacevole e familiare, assolutamente informale. Da segnalare gli antipasti (in particolar modo i peperoni con la bagna cauda, molto buoni ed equilibrati). Come vino siamo tornati sul Nebbiolo d’Alba dell’azienda Penna Luigi e figli del 2006 (13,5%), già assaggiato a dicembre: è interesante fare questo confronto, poichè mi permette di capire un po’ di più dell’evoluzione che potrebbe avere un vino. Ovviamente, essendo trascorsi 3 mesi, non sono cambiate moltissme cose: limpido, rosso rubino e abbastanza consistente: abbastanza intenso, abbastanza coomplesso e fine, con sentori fruttati (lampone e piccoli frutti rossi) e floreali (viola); in bocca secco, caldo, abbastanza morbido, fresco, tannico e sapido, di corpo: rispetto a dicembre questa volta si è sentito un po’ di più l’alcool e la freschezza sembra essere diminuita leggermente. Forse un po’ più persistente, ma sicuramente deve ancora evolvere, come già indicato in passato.
Per concludere: un ritorno assolutamente piacevole ed un arrivederci alla prossima volta.

About enofaber