Rieccomi

Dopo circa 3 settimane sono tornato alla base. Non che sia andato lontano, ero solo a 35 km di distanza da casa, ma in montagna non avevo portato (volutamente) il computer. Sono stati giorni in cui si è aiutato a ripristinare i danni provocati dalle forti nevicate invernali e a mettere ordine alla casa dei miei suoceri. Ritmi diversi, impegni diversi, stanchezze (o riposi) diversi. La testa ha sempre girato, si sono assaggiate alcune bottiglie ma in numero inferiore a quanto previsto. Mi sono trovato di fronte al concetto di vino-alimento, contrapposto a quello di vino-piacere. Mi riprometto di scriverne nei prossimi giorni. Tornato ho trovato più di 600 post da leggere nel mio reader e appunti sparsi per scrivere dei vini degustati. Ho trovato 3 commenti sul mio blog, per la prima volta di tenore non tenero: la prima reazione è stata perplessa e delusa; poi ho riflettuto sul fatto che aprendo un blog mi sarei esposto ad eventuali critiche. Quindi ben vengano anche i lettori non teneri: si impara sempre qualcosa. Torniamo a parlare di vino in senso stretto… cosa ho degustato?
1) Mayolet 2007 “Vins des Seigneurs” VdA doc – Coenfer
2) Chambave 2007 – Crotta di Vegneron
3) Freisa di Chieri “La Torre” 2006 – Terre dei Santi
4) Ruchè di Castagnole Monferrato 2007 – Terre dei Roggeri
Ne parlerò nei prossimi giorni qui o sul blog di Jacopo, Enoiche Illusioni.

About enofaber