Picotendro 2008 – Cooperativa La Kiuva

05092009475Mentre assaggiavo l’Arnad-Montjovet della Cooperativa La Kiuva ho piacevolemente chiaccherato con il presidente della Cooperativa, ragazzo giovane e sicuramente pieno di entusiamo e di idee. Ma che soprattutto crede molto in quello che la Cooperativa sta facendo e che sta puntando molto sulla rivalutazione del Nebbiolo di Montagna.E in quest’ottica, la Cooperativa ha deciso di vinificare ed in imbottigliare il Picotendro (Picoteneur, nel patois valdostano, che null’altro vuol dire che piccolo e tenero) in purezza. E a mio modesto avviso, questo è un vino su cui poter scommettere per il futuro: ad oggi è ancora irrisolto, scontroso e duretto. Ma le premesse per una bella evoluzione ci sono tutte. Il colore era molto “nebbiolo”: rosso rubino leggermente scarico, limpido. Al naso era molto fruttato (ciliegia, mirtillo e prugna), con note floreali di viola appassita e una leggera speziatura (vaniglia, pepe e cuoio) da fare da contorno: un bell’insieme, nulla da dire. In bocca dimostra la sua giovinezza: molto fresco e decisamente tannico, si dimostra essere potente e con una bella struttura. Ovviamente pecca sul lato della morbidezza, ma, come detto prima, è un difetto che il tempo dovrebbe colmare ampiamente. Una bottiglia da acquistare e dimenticare in cantina a sonnecchiare per qualche anno.

About enofaber