Valle d’Aosta Doc Fumin 2006 – La Crotta di Vegneron

fumin2006_vdaIl Fumin è un vitigno autoctono della Valle d’Aosta. Lo ritroviamo anche in Svizzera, ma è tradizione definirlo autoctono. Non è un’uva semplice da gestire: tardiva, riottosa, tannini e acidità importanti, potrebbe in qualche modo richiamare alcune caratteristiche del Nebbiolo. In passato avevo già parlato su Enoiche Illusioni del Fumin 2007 di Grossjean e l’avevo definito giovane, pur apprezzandone alcuni tratti. La versione assaggiata questa volta era del 2006 e prodotta dalla Crotta di Vegneron di Chambave, realtà a mio parere molto valida. E tra il 2007 ed il 2006 si sentivano molte differenze, con quest’annata che si è rivelata essere molto più morbida e sicuramente meno difficile rispetto all’assaggio del 2007.
Dal colore non si direbbe che è un vino del 2006: rubino carico ed intenso, quasi impenetrabile. Bei riflessi e luminosità piacevole, discretamente consistente, dimostra già dall’aspetto visivo una certa struttura. Al naso, nonostante fosse stato aperto con un paio d’ore di anticipo, veniva fuori lentamente per poi mostrare una spezia dolce delicata (tabacco), un po’ di pepe, frutti rossi, ribes in particolare, in confettura e una lontana ma sorprendete nota che non saprei definire utilizzando il linguaggio convenzionale: sul momento mi sono venuti in mente quei profumi piacevoli del bosco subito dopo la pioggia, rovi e terra. Molto particolare e invitante, nulla da dire. In bocca ha dato l’idea di un carattere ancora leggermente ribelle con la freschezza ancora viva e una sapidità non secondaria. Ma l’esuberanza lasciava poi posto a note molto più equilibrate con tannini vivaci ma mai esuberanti, una bella morbidezza e una spalla alcolica ben integrata. Molto lungo e persistente, chiudeva con una nota leggermente amarognola piacevole e lasciava in bocca un leggero sentore speziato. Assaggiato in abbinamento ad una tofeja (minestra di fagioli con cotiche di maiale), si è rivelato essere spettacolare. Ma anche in compagnia di formaggi stagionati ed erborinati ha retto egregiamente. In poche parole, assaggio davverto molto, molto interessante…

About enofaber