Riesling Zöbinger Heiligenstein Alte Reben 2005 – Jurtschitsch Sonnhof

Austria. Altra terra di montagne, dove il riesling è uno dei vitigni più vocati. In questo caso il produttore è Jurtschitsch e questa bottiglia è un dono del Presidente.
Un bianco di 5 anni, mica banalità. Per un vino bianco, vista la media a cui siamo abituati in Italia, 5 anni è tempo di ossidazione e morte. Tempo di tuffo diretto nel lavandino. Perchè spesso si ha l’idea che un bianco debba essere bevuto subito, pena il decadimento.
Bene, questa è l’eccezione che conferma la regola. Questo è il classico vino che avrebbe potuto dire ancora molto nel corso del tempo.
Colore bello, acceso, tra il paglierino ed il dorato, molto luminoso. Al naso è giovane, subito erbaceo e minerale. Poi un frutto che non ti aspetti: sì, a costo di essere smentito, il primo sentore che ho percepito è stata la fragola. Ti dicono sempre di pensare a frutti bianchi quando degusti un vino bianco. Ci ho provato, ma la fragola era imperante. Poi con la testa mi sono sforzato di trovare la mela, la pera, il melone molto maturo. Ma quella fragola nessuno me la toglie dalla testa. Persino sentori di nocciola verso la fine, forse dovuti allì’innalzamento della temperatura. In bocca poi è uno svelamento, uno di quei vini che “vorresti bere a secchiate” (cit.). Avvolgente, morbido, lungo, sapidità e freschezza evidenti ma mai stonate. La mineralità che trovi al naso si dispiega durante l’assaggio, per via retronasale torna il sentore erbaceo. Un vino che definirei perfettamente equilibrato e splendidissimamente piacevole. Chapeau, davvero, grandissima bevuta.

Tags:

About enofaber