Franciacorta DOCG Rosé Pas Dosé “Parosé” 2005 – Il Mosnel

Poco più di un anno fa avevo assaggiato il 2004. E l’assaggio di questo 2005 non fa altro che confermare, se non amplificare, il senso di piacevolezza avuto con l’assaggio del 2004. Il filo comune esiste (oltre al medesimo uvaggio, ossia 70% Pinot Nero e 30% Chardonnay), un sottile filo rosso unisce le due bevute. Forse il colore varia un po’: 2004 più ramato, 2005 più buccia di cipolla, tenue e leggero come colore. Il perlage è sempre da urlo, con bolle piccole piccole, frequenti e numerosissime fontanelle. Insomma, come dissi già un anno fa, la nota stilistica che si dispiega dall’aspetto visivo per arrivare all’assaggio è l’eleganza. Ma a differenza del 2004, questo assaggio oltre all’eleganza regala maggiore potenza espressiva, sia al naso, dove i frutti rossi, i lieviti ed i sentori erbacei ed “aromatici” sono netti e precisi, sia in bocca, dove la mancanza del dosage fa venire fuori il carattere un po’ riottoso del Pinot Noir… cosa che a me è piaciuta un sacco ma che a qualcuno potrebbe risultare leggermente ostica. Eccellente corrispondenza naso-bocca. Insomma, che dire, se non che è una di quelle bollicine che berrei sempre e comunque con qualunque tipo di cibo (ma anche da solo…).

Tags:

About enofaber