Gambellara Recioto Classico Doc 2006 – Azienda Agricola Sordato

Per chiudere i festeggiamenti del mio compleanno non poteva mancare un vino dolce. Questo vino mi fu regalato da Davide quando andai in Veneto a visitare la distilleria Brunello. Gambellare Recioto Classico Doc 2006 dell’azienda Sordato. Del Recioto ho un ricordo legato all’infanzia, ad un carnevale in cui in i miei genitori organizzarono una cena “veneta”: forse fu l’unico vino che assaggiai (meglio, che mi fecero assaggiare) e il ricordo di quel vino dolce è rimasto lì, appeso nei fili della memoria. E quindi c’è stato un rincorrersi degli anni, un ritrovare quel profumo e quel gusto sentito da bambino.
Il colore è dorato con lievi riflessi ambrati, luminoso, pulitissimo: brillante verrebbe da dire. Inizialmente molto chiuso, ha bisogno di tempo ed ossigenazione per riprendersi. Colpa mia, lo ammetto: preso direttamente dalla cantina e aperto subito, senza alcun ritegno e senza dargli tempo per riprendersi dallo “stress”. Nel momento in cui inizia a proporsi, al naso marca leggermente il legno, con la vaniglia leggermente predominante. Poi una volta svanita questa sensazione, ecco arrivare i sentori di fiori (camomilla, erbe) e a chiudere quelli di frutta matura, mela, uvetta, fichi. Un profilo elegante con sentori netti. E più la temperatura si innalza, più la piacevolezza aumenta, giocando sempre più sulle note fruttate. L’entrata in bocca è segnata dalla morbidezza, dagli zuccheri e da una bella acidità Il profilo alcolico è integrato e si nota un’ottima corrispondenza naso.bocca, con continui richiami di fiori e frutta. L’unico difetto che sento è che con l’innalzamento della temperatura la beva si appesantisce un po’ lasciando alla fine la bocca un po’ stucchevole. Ma questo è veramente il voler, come si suol dire, “mettere i puntini sulle i”.
Ottimo vino da accompagnamento con pasticceria secca ma che a mio avviso potrebbe reggere bene con qualche bel formaggio erborinato.
Grazie Davide, gran bel dono 🙂

Tags:

About enofaber