San Leonardo 2001 – Tenuta San Leonardo

Ci sono vini che ti vengono regalati e che lasci lì in cantina dicendo “tanto prima o poi l’occasione per aprirla ci sarà“. E poi continui a procrastinare. Perchè sono anche bottiglie che vanno bevute al momento giusto con le persone giuste. E il mio 37o compleanno è stata l’occasione giusta per “tirare il collo” a questo taglio bordolese (Cabernet Sauvignon, del Cabernet Franc e del Merlot) di 9 anni del Trentino. E nonostante avesse 9 anni, sembrava un bambino. Un vino che puoi tenere lì per altri 20 anni e avere in cambio della pazienza offerta tanta soddisfazione.
Ma vi assicuro che già dopo 9 anni i risultati sono strepitosi. Aperto circa 3 ore prima di essere servito, ha avuto la giusta ossigenazione ed il tempo di riprendersi dallo shock. Nel bicchiere scendeva lentamente, carico di sostanza e materia, con il suo rubino ancora pieno con i primi accenni granato. Impenetrabile ma allo stesso tempo luminoso, vivo. Al naso la complessità è notevole: parte su note fruttate di ribes e lampone per poi passare a note più “scure” la prugna, il cacao, la liquirizia. Leggerissimo e quasi impercettibile sentore affumicato di legno e poi tantissime spezie, dallo più dolci come la vaniglia alla cannella, per arrivare a quelle più forti e piccanti, il pepe nero. Un risultato spettacolare e cangiante, ad ogni “annusata” sentivi venire fuori nuovi sentori. Alla fine emergeva addirittura un sentore erbaceo, da cabernet di razza. Ma tutti i sentori erano netti, puliti, e racchiusi in una cornice di equilibrio ed armonia impressionante. Ed in bocca eleganza, suadenza, stile, tannino, acidità, sapidità. Tutto, proprio tutto ciò che c’è da aspettarsi da un grande vino in un contesto anche qui perfettamente equilibrato.
Insomma, uno di quei vini che ti mettono in pace con il mondo e che regalano emozioni lunghe, lunghissime, con ricordi li caffè e cacao che pervadono la bocca per tantissimo tempo.
Un campione, e non poteva esserci occasione migliore per aprirlo e condividerlo con degli amici.

Tags:

About enofaber