Barbera d’Asti Doc Curentun 2007 – Cascina Brichetto

Cascina Brichetto è una delle aziende che parteciperà a #grignolino1.
Ma ho deciso di presentare l’azienda di Francesco Bersano, giovane vignaiolo in quel di Portacomaro, partendo dalla Barbera che avrete modo di assaggiare durante il pranzo post degustazione. Uno di quei vini che assaggi convinto di abbinare in un certo modo, piazzare ad un certo punto nel menù ed invece ti spiazza e ti mette in crisi, non capendoci più nulla…
Insomma una Barbera che si avvicina più alle complessità del Nizza rispetto alle bevibilità dell’astigiano e del Monferrato. Un vino che fa 6 mesi di acciaio, 6 mesi di botte grande e poi almeno 13-15 mesi di bottiglia. E come dice Francesco, questa barbera un anno fa, era molto diversa, neppure lui si sarebbe aspettato un’evoluzione del genere. Insomma, io che volevo piazzarla tra i primi vini, mi ritrovo a doverla confrontare con un Barbaresco.. o quantomeno a trovare un sostegno adeguato a livello di cibo perchè le complessità gusto-olfattive non sono mica da ridere.
Il nome Curentun, in piemontese ha doppio significato: da un lato indica la botte grande da 60 hl, dall’altro una sorta di albero della cuccagna intorno al quale le giovani donne e i giovani uomini danzavano in attesa del corteggiamento… un nome che potrebbe evocare gentilezza, poesia e dolcezza. Invece si dimostra essere potente, deciso, corposo, molto maschio se vogliamo categorizzare in qualche modo…
Bel colore carico ed intenso, rosso, con una leggere unghia granato, nel bicchiere scorre lentamente, mostrando grande consistenza materica. Al naso come ho già detto a Francesco il mio naso becca subito il legno (e questo è una sensibilità particolarmente sveglia in questo periodo) che a dire la verità non è stonato e non pregiudica per nulla il vino: anzi dopo il il legno emergono subito le note di prugna, di liquirizia, di frutti rossi sotto spirito e spezie, tra cui il pepe e la cannella. Insomma una complessità olfattiva di grande impatto e livello. In bocca è una barbera a 360° con acidità viva, buona sapidità, quella giusta ruvidezza contadina mediata da una morbidezza che rende la beva ottimale. Una gran bella barbera, una gran bella sorpresa.
E spero che anche voi possiate apprezzarla nel pranzo post #grignolino1….

Tags:

About enofaber