Monferrato Doc Freisa 2008 – Oreste Buzio

Sabato scorso, lo avevo promesso ad Andrea, sono andato a fare visita all’azienda Oreste Buzio. Abbiamo già parlato del loro Grignolino 2009 e della loro Barbera 2009. Questa volta mi soffermo su uno dei vini “minori” (me lo concedi il termine, Andrea?) dell’azienda, un vino su cui stanno ancora riflettendo e sul modo in cui lo vinificheranno in futuro, tanto che sono sicuro che, con l’umiltà che lo contraddistingue, andrà dalle due aziende più “illuminate” sul freisa che saranno presenti alla degustazione di #grignolino1 (Balbiano e Cascina Gilli) per confrontarsi e avere consigli. Io nel mio piccolo, assaggiando il 2008 in bottiglia e il 2010 da vasca mi sono permesso di consigliargli un leggero affinamento in legno (non di primo passaggio, sia chiaro). Io, che sono il signor nessuno, mi sono sentito dire da Andrea, che è enologo e fa consulenze anche presso altre aziende oltre alla sua, “ci avevo pensato anche io“… colpo di fortuna, Faber, non ti montare la testa.
Il vino si presenta con un bel colore rubino intenso e carico, molto materico. E al naso è un evidente la frutta leggermente surmatura, cassis e frutti di bosco in genere, e un accenno floreale e speziato, di pepe bianco. Ma la sorpresa la si trova in bocca, con una bella potenza tannica e di acidità, sapido al punto giusto e comunque una certa qual rotondità che lo rende elegante e raffinato.
Prima accennavo al fatto che ho assaggiato il 2010 preso direttamnete da vasca: dal punto di vista visivo è “inguardabile“, ossia ancora molto sporco. Ma è più che comprensibile. Ciò che mi ha colpito è che al naso si sarebbe potuto confondere con un ruchè, tale era la speziatura che emergeva. Per il resto c’era il filo rosso di continuità con il 2008, ovviamente più ruvido e giovane… però un prodotto interessante su cui lavorare.. e magari farlo affinare in legno.. ma qui lascio la parola a chi ha più competenza del sottoscritto.
Insomma, un altro gran bel vino di questa bella scoperta che è l’azienda Oreste Buzio. Da segnare ed andare a trovare.

Tags:

About enofaber