Vinitaly 2011 – Il gruppo Originae

Visto che in questo periodo mi giungono da ogni dove segnalazioni di cantine e produttori che partecipano a Vinitaly, ho deciso di dare spazio alle mie cantine del cuore. Visto che non potrò essere presente a Verona e portare personalmente le persone ad assaggiare quelli che sono i vini significativi per me, ho chiesto ad alcuni di loro di scrivere due righe di presentazione affinché, chi fosse interessato, possa andare a testare di persona.
Il primo a rispondere è stato Camillo Favaro (tutti i link che lo riguardano: 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7 e 8) che non partecipa da solo ma con un gruppo formato da più aziende che si è chiamato Originae e che Camillo racconta così:

Il gruppo Originae è animato e gioviale. Lo scorso anno il rapporto tra noi è stato davvero molto bello. Ci siamo scambiati molti contatti commerciali e la condivisione degli spazi è stata molto ben gestita.

Ci siamo trovati per condividere Vinitaly e altre fiere non solo per abbattere i costi. Ma anche per cogliere opportunità di mercato che da soli non potremmo mai affrontare. Siamo tutte aziende piccole a gestione familiare (non più di 70.000 bottiglie per intenderci). Dove rispetto per l’ambiente, un senso di viticoltura etica e rispetto per il buon senso contadino non sono solo concetti vuoti o usati per fini meramente commerciali. Ecco, questi siamo noi!

Come vedi dalla foto lo stand è progettato all’insegna dell’informalità e grande semplicità.
Il marchio Originae – viticoltori artigiani è un nome di fantasia che ci siamo inventati per dare un senso più compiuto a tutto quanto…

Queste sono le aziende del gruppo:

Cantina Favaro

Friuli: Quinta della Luna piccola azienda friulana, dalle Grave dei Friuli, il Friuli di serie B per intenderci. Ma loro sono dei grandi! Fanno vini forse un po’ semplici. Ma di quei vini semplici (non banali intendiamoci) che ne berresti a secchiate! Quindi hanno ragione loro. Il tutto a prezzi assolutamente competitivi

Trentino: Redondel altra piccola azienda dal Trentino. Il Teroldego per loro è una missione. Spirito contadino vero, verace. Ragazzi tosti e vini che sono una fucilata di bontà!

Toscana: Muralia, azienda della quale si sentirà parlare. I vini sono quelli classici della Maremma a base sangiovese più una marea di internazionali: Merlot, Syrah, Tannat, Tempranillo, Cabernet Franc e chi più ne ha, più ne metta. Vini dritti, precisi, fatti da uno produttore (Stefano Casali) che ha davvero le idee chiare. Da seguire davvero.

Sempre Toscana Pagiano del Guerrazzi Il produttore è un enologo (ex Franz Haas) altoatesino che vive in maremma…! Non servirebbe dire altro! Ma i suoi vini sono davvero di quelli che non dimentichi facilmente. Il suo approccio va verso la filosofia dei vini naturali, ma con quel buon senso teutonico che permette ai vini di non avere sbavature grammaticali come spesso capita in vini di questo tipo.

Bene, vi invito a segnarvi queste aziende e andarle a trovare. Di Camillo mi fido e chi mi legge lo sà… E soprattutto non dimenticate di assaggiare i vini di Favavo, espressione del mio, nostro, Canavese… 🙂

About enofaber