Barbaresco Docg Rio Sordo 2006 – Cascina delle Rose

Disclaimer: bevuta all’enoteca La Quite (Torino). 30 euro (in carta)
Tra i Barbaresco 2008 che ho potuto assaggiare nei giorni scorsi, quello di Cascina delle Rose è stato uno di quelli che mi ha colpito favorevolemente (a proposito… nel post in cui parlavo brevemente degli assaggi avevo scritto testualmente “comunque assaggi che non mi hanno entusiasmato più di tanto“.. tra questo (opinione condivisa da molte persone sedute con me) e l’affermare che io possa aver parlato di annata minore mi sembra che corra una bella differenza… o forse non tutti sanno comprendere l’italiano).
Al di là di questo posso dire che comunque Cascina delle Rose si conferma essere un produttore di assoluto valore (avevo in passato parlato della loro Barbera d’Alba 2005) e la conferma è arrivata dalla bevuta molto interessante del Barbaresco Docg Rio Sordo 2006. Bel colore scarico, granato ma con ancora alcuni riflessi rubino, non particolarmente veloce nello scivolare lungo le pareti del bicchiere. Al naso però è ancora molto giovane, con la frutta sotto spirito in primo piano e a seguire le note speziate di pepe, chodi di garofano e un ricordo di liquirizia. Un naso assolutamente piacevole seppure dotato di una complessità non esasperata e “costruita”: i sentori di legno riscontrati in molti 2008 qui erano fortunatamente del tutto assenti. In bocca tannino bello vispo ma non allappante, accompagnato da acidità e sapidità. Ancora leggermente sbilanciato sulle durezze, ma sicuramente dotato di una beva piacevolissima e da una durata non indifferente, che chiudeva con note speziate e fruttate molto piacevoli. Un Barbaresco ancora giovane, senza ombra di dubbio, che a mio parere è da tenere sotto’occhio e che darà grandissime soddisfazioni negli anni a venire.

Tags:

About enofaber