#sociaList

Discalimer: idea del ristorante Locanda del Glicine di Campagnatico (GR) che mi vede co-partecipante
Un ristorante decide di buttare giù una carta dei vini co-partecipata e si rivolge a 15 blogger sparsi per l’Italia per farsi “suggerire” alcuni vini interessanti: ecco cosa è, ridotta all’osso, la #socilalist
Quando Marco Monaci mi contattò per partecipare alla #socilalist, non avevo le idee molto chiare. Quali vini scegliere, visto che il numero era limitato a 3? I vini del cuore, i vini del territorio, un monovitigno? Alla fine ha prevalso la linea del valorizzare i miei territori di riferimento (Nord-Piemonte, Canavese e Valle d’Aosta) scegliendo 3 vini rappresentativi (e del cuore, senza ombra di dubbio) di queste lande. Non ho scelto nessun grignolino per una ragione molto semplice: a #grignolino1 portai 8 produttori a mio avviso convincenti e rappresentativi. Fare una scelta piuttosto che un’altra avrebbe potuto suonare in maniera distorta, quasi fare un torto a qualcuno, a maggior ragione visto il bel rapporto che continua ad esserci tutt’ora con tutti loro. E quindi o tutti o nessuno. In questo caso, nessuno.
Alla fine ho scelto:
Carema Etichetta Nera 2006 – Cantina dei Produttori del Nebbiolo di Carema
Fumin Vigne de La Tour 2007 – Les Crétes
Erbaluce 13 mesi – Favaro

Qui, in alto a destra, tutti i territori ed i vini selezionati. Qui, invece, la mia scelta…. andate e votate, quindi 🙂

About enofaber