Salento IGT Negroamaro 2009 – Cantele

Disclaimer: bottiglia trovata nella cromobox di TwitYourWines di P. Cantele
Avete presente quanto trovate una persona e senza sapere perchè vi sta subito simpatica e sentite di avere delle affinità? Ecco, questo mi è capitato con Paolo Cantele, produttore pugliese, con cui ho successivamente scoperto di condividere l’amore per la musica metal, le belle donne (:-)) ed il vino. Solo che lui non è uno dei tanti quaqqaraquà che si trovano in giro. Ecco: lui è un gran signore del sud, quelli di vecchio stampo. Sostanza, non apparenza. La sua azienda di famiglia produce quasi 2 milioni di bottiglie, lui si occupa dell’aspetto commerciale ed è sempre in giro per l’Italia ed il mondo. Ma, nonostante ci si scriva e senta con una certa regolarità, non avevo mai assaggiato i suoi vini. Io non gli ho mai chiesto una campionatura e lui non si è mai sentito in dovere di mandarla: ci siamo sempre ripromessi che li avremmo assaggiati insieme. Così mi piace, lo ammetto. Non abbiamo mai mischiato piano “umano” e professionale (il suo) e di passione per il vino (il mio).
E così è stato a Genova. Purtroppo, avendo perso il mio quadernino degli appunti, sono stato “costretto” ad aprire questa bottiglia e degustarla. E questo post è, in fondo, una live degustation.
Bel colore rosso rubino, non particolarmente carico, leggero nello scivolare nel bicchiere. Al naso ecco apparire veraci e fragranti le note fruttate frutti di bosco e di prugna. Al fondo, in lontananza qualcosa di verde, quasi erbaceo, ma molto tenue e delicato.
In bocca è piacevolemente leggero, beverino: forse in questo periodo estivo non ci starebbe male abbattere leggermente la temperatura di servizio sui 16°. Bella frescezza e discreta sapidità, tannini rotondi, un buon equilibrio tra durezze e morbidezze, dove comunque le prima la fanno da padrone. Per dirla in parole semplici un “vinino” a tutto tondo, piacevole e ben riuscito. E con la parola vinino sapete che non intendo dispregiare, anzi al contrario… molto, molto piacevole

Tags:

About enofaber