Vin de Savoie AOC Mondeuse Domaine Prieuré Saint Christophe 2004 – Domaine Grisard

Disclaimer: bottiglia ricevuta in dono dal produttore

Ho conosciuto Michel Grisard all’inizio di maggio, durante una serata delle degustazioni dei Barbaresco in anteprima.
Eravamo allo stesso tavolo, con un americano ed un tedesco. Alla fine, con un esperanto a cavallo tra l’inglese, il francese, il piemontese e le traduzioni più o meno incrociate, riuscivamo anche a parlare e comunicare con profitto. Fore sarà stato complice il vino :-).
Mi ha colpito molto la precisione meticolosa con cui descriveva il vino nel bicchiere, soprattutto per quel che riguardava i profumi.
Poi ha iniziato a raccontarci del suo Domaine, in Savoia, delle difficoltà della viticoltura di montagna. Come in Valle d’Aosta e in Valle Susa. L’altra faccia della medesima montagna.
Il giorno successivo alla cena, passammo insieme l’intera giornata in giro tra produttori e assaggi vari. E al momento del congedo mi regalò questa bottiglia.
Mondeuse. Un vitigno che non avevo mai sentito e di cui era letteralmente innamorato. Era il suo vitigno del cuore.
Una bottiglia particolare, 2004 quando secondo alcuni questo vino andrebbe bevuto giovane. Ma Michel non è di questa idea. Ritiene che il tempo regali eleganza e complessità.
Non conoscendo la tipologia non posso avventurarmi in chissà quali commenti: colore rosso tenue e delicato seppur vivissimo, mi colpito per l’eleganza e non la potenza, la leggerezza e la buona beva e il prepotente ritorno di speziatura ed erbe officinali nel retrogusto. Profumi che ricordano molto la montagna, ma senza giocare troppo sulle profondità, quanto piuttosto su ricordi erbacei e fruttati. Per essere un vino di montagna, abituato ai vini valdostani in particolar modo, mi colpito la spalla acida non marcata ed un tannino vispo ma molto setoso.
Insomma, da approfondire e assaggiare altre versioni.
E soprattutto un terroir che a sentire Michel può regalare bei vini e complessità particolari.
Mi sa che, data anche la vicinanza, si possa, anzi si debba, andare a vedere…

Tags:

About enofaber