Rumore

La pioggia che cade.
Rimbombi sul tetto. Continuo e incessante rumore, che ti distrae da quello che dovresti fare.
Il mal di testa che avevi non ti dà tregua e, anzi, è infastidito da questo rumore.
Provi a chiudere gli occhi nella speranza che la testa dolente abbia requie per un attimo.
Invece…
Invece il rumore si amplifica. E assieme al rumore, il cuore inizia a seguire, come se leggesse uno spartito, il ritmo delle gocce che cadono sul tetto.
Sempre più veloci, martellanti, sembra quasi la cassa di un pezzo techno.
Anche la mente inizia seguire il ritmo.
Corre vorticosamente, i pensieri si inseguono, si accavallano.
Ciò che aveva senso lo perde.
E ciò che non lo aveva acquista una nuova dimensione.
Connessioni, pensieri, cortocircuiti mentali.
Ora non è solo più la testa che duole. E’ tutto il corpo.
E’ un dolore che parte da dentro e si sprigiona verso l’esterno, come se cercasse di fuggire via.
O cercasse di annientarti.

Di colpo tutto si placa. La pioggia, il rumore sul tetto, il rimbombo del tuo motore, il ritmo dei pensieri.
In lontananza, all’improvviso, il rombo di un tuono.
Riapri gli occhi e ti rendi conto che quello che un attimo fa ti è sembrato lunghissimo, non è durato altro che pochi minuti.
La sensazione di dolore, prima acuta, ora scema, lentamente, e riprende il suo posto originale, nella testa.

Ma il suo passaggio, nonostante tutto, ha lasciato tracce.

Osservi e rifletti sulla realtà alla luce di quei cortocircuiti che si sono prodotti poco fa.
L’1 che diventa 2. E in questo caso anche possibile che il 51 si trasformi in 52 (cit. – CCCP, Rozzemilia)
E ti senti sopraffatto da un peso.
Forse è meglio chiudere tutto e uscire a farsi una passeggiata sotto la pioggia, senza ombrello.

Perchè solo l’acqua può spegnere questo fuoco.

Colonna sonora, per stare in tema: Stati di agitazione – CCCP

Immagine anteprima YouTube

Stati di agitazione
Stati di agitazione
Stati di agitazione in corpo, nella testa
occhi infossati, lucidi
noie con il respiro
mi si accelera il fiato
eppure sono vivo
stati di agitazione
stati di agitazione
stati di agitazione tra le
idee, sulla pelle
devo tenermi su, devo essere presente
va meglio, peggio, va meglio,
peggio, va meglio, peggio
qualcosa più di niente
qualcosa più di niente
stati di agitazione in me nelle mie vene
stati di agitazione e mai niente di più
e mai niente di più
e mai niente di più
e mai niente di più

About enofaber