Basilicata IGT L’Atto 2009 – Cantine del Notaio

Disclaimer: bottiglia regalata da Davide Marone

Terre lontane. Sullo sfondo un vulcano silente ed addormentato.
A migliaia di km da me. Terre lontane. E sconosciute.
Ti approcci, cercando di sgomberare la mente da quello che hai letto e ti hanno insegnato.
Ma per quanto si possa sgombrare, alcune idee restano in testa.
Dalla terra di un vulcano ti aspetti potenza, forza, qualcosa di “sulfureo” addirittura.
E inizialmente resti spiazzato dall’assaggio. Perchè tutto quello che ti potevi aspettare è depotenziato.
Trovi invece profumi di fiori e frutti.
Una vaga nota terrosa, ma forse è più il cervello che la va cercando piuttosto del naso.
Un briciolo di legno, forse in eccesso. Ma questo è un mio “problema”.
Eleganza e beva quasi “sbarazzina” al posto della potenza e della struttura.
Vino immediato, quasi facile, lontano da quello che ti eri immaginato.
E ne resti piacevolmente sorpreso.
E la bottiglia diventa ideale compendio ad una succulenta cena a base di carne.

Bottiglia assaggiata in funzione di Aglianico sotto la Mole organizzata dall’amico Davide Marone.

Tags:

About enofaber