Alto Adige metodo classico Pas Dosé 2006 – Haderburg

Disclaimer: bottiglia acquistata e degustata al Taste Vin di Asti. 27 euro

…. quasiunaseduzione …..

Un sabato sera. Un sabato qualunque, come direbbe una celebre canzone.
A spasso, mio figlio ed io, in quel di Asti. Lui affascinato dalla città, dalle vecchie mura, dalla Torre Rossa. L’eleganza di provincia, l’eleganza silente e raffinata.
Ammettiamolo, accidenti… siamo una bella coppia mio figlio ed io. Lui giovane fanciullo di 9 anni abbastanza fighetto. Io giovane uomo (?!?!?) di 38 anni.
Lui curioso di sapere, io pronto, laddove posso, nel raccontare.
Un piccolo centro che seduce.
Ti avvolge, ti entra dentro.
E poi decidi di andare a mangiare lì, al Taste Vin, locale che ti piace, per il cibo e per l’eccellente carta dei vini. Per i ragazzi che lo gestiscono. E lo conoscevi prima della recenza del buon Scanzi 🙂 🙂 🙂 (e mi sia permesso di dire che, dopo averlo conosciuto di persona, è meno Portishead di quanto mi sarei aspettato….).
E scegli un vino, una bolla, che coroni quel pomeriggio. Tuo figlio, quella sensazione avvolgente, quellla silente nobiltà.
Scegli un Pas Dosè. Alto Adige. Haderburg, azienda bio, di cui avevi già sentito tanto parlare.
Tuo figlio, appena messo il naso sotto il bicchiere esclama “ehi, ma sa di pane!!… no, di brioches e poi sembra mela“.
Lo guardi e sorridi. Piccolo grande uomo, cosa non diresti per compiacere tuo padre? Però accidenti, hai indovinato. Un piccolo mostro? 🙂
Un vino che subito si presenta in maniera semplice.
Ma poi cambia, evolve, si rende più complesso e meno immediato. Quasi una leggera nota ossidata, con l’innalzarsi della temperatura.
La seduzione non è mai un gioco facile. Cammina sempre in bilico sulla fune, con il rischio di cadere in chissà quale abisso.
No, questo vino non cade, ma saltella, quasi prendendosi gioco della forza di gravità.
Diritto punta al centro del palato, ma ancor più al centro del cuore.
Entra furtivamente e poco alla volta di avvolge l’animo, diventa sempre più importante.
Ti seduce, in poche parole.
Ma come tutto quello che tende di sedurre ecco che prova a sfuggire, per non farsi cogliere nella sua intima essenza.
Ottima beva, ma non sono riuscito a coglierlo appieno. Eppure, nonostante questo, ad avercene di bottiglie come queste.
Metodo classico di razza.
Ancora un calice, per favore…

… quasiunaseduzione…

Tags:

About enofaber