Colline Novaresi Doc TreConfini 2007 – Torraccia del Piantavigna

Disclaimer: bottiglia acquistata direttamente dal produttore. Non ricordo il prezzo.

Nebbiolo.
Alto Piemonte.
Subito chiuso, poi si apre.
Piacevole, buona beva, tannini ancora graffianti.
Gengive un po’ falciate dall’irruenza. Acidità che afferma il suo essere.
Bel frutto, bei terziari appena accennati.
Insomma, in vino ancora in divenire.
Come il pezzo che passa in sottofondo: One, dei Metallica, tratto dall’album “And Justice for All“.
Io, poco più che adolescente, folgorato sulla via di Barcellona da un metallaro che mi fece ascoltare questo album, cambiando per sempre le coordinate musicali, ancorate agli anni ’70 di un padre che ti mette nella culla i Pink Floyd per fari addormentare.
E poi non si cresce “strani”…
Mi spiace per il produttore.
Questo questo magari è un post sconclusionato, in cui il vino è pretesto per parlare d’altro.
Ma quando non lo è?
Spesso associamo il vino a situazioni, episodi, attimi.
Fotogrammi di un qualcosa che non può essere fermato.
Il tempo.
La vita.
Il Nebbiolo dell’Alto Piemonte, volente o nolente, subisce un po’ la carica dei nebbioli del sud Piemonte, in particolare di quelli di Langa.
Non c’è un motivo preciso. E’ così, non me la vengano a raccontare.
Sempre un celato senso di manifesta inferiorità.
Immotivata.
Ecco, nella vita, spesso e volentieri ci si sente in maniera immotivata “in difetto”.
Eppure non c’è motivo.
Però è così
Tutto al suo posto, tutto in regola, tutto piacevole, tutto con “le palle”.
Eppure…
Ci sono cose, situazioni, per cui non si è mai pronti.
E il Nebbiolo dell’Alto Piemonte vivrà sempre, immeritatamente, questo senso di subordinazione.
Eppure…
Alzare la testa e ogni tanto crederci.
Come questo bicchiere, assaggio, bottiglia.
Nonostante tutto, si ha tanto da dare (e dire).
Senza paura.
Senza timore.
Senza condizionamenti.
Fieri di essere per quel che si è.

Bisogna credere, crederci.
Andare avanti, come teste d’ariete.

E un bel “datevi fuoco” (cit. Pino Scotto) a chi non ci crede.
Magari non serve a nulla.
Ma aiuta.

Tags:

About enofaber