Franciacorta DOCG Brut – Tenuta Villa Crespia

Disclaimer: bottiglia acquistata in GDO. Prezzo pieno euro 15.30, acquistata in promozione a 12.20 euro

Continuiamo con il “gioco” delle bolle…
ops, scusate, non si può più dire… 😛
scegliete voi (consapevoli di sbagliare in alcuni casi) tra: bollicine, vino mosso, vino efferfescente, spumante, champagne italiano, prosecco non prosecco, vino da comodino e via dicendo….
Sentite, a me le questioni terminologiche, almeno in questo caso, fanno veramente cascare le… bolle….
e quindi continuo a chiamarle bolle o bollicine, felice di perpetrare un [presunto] errore…
allora, dicevamo…
Continuiamo con il gioco delle bolle acquistate in GDO.
Dopo Bredasole, Rotari, Ferrari e Berlucchi, torniamo in Franciacorta per un Brut di Tenuta Villa Crespia, Chardonnay 100%, sboccatura 2011.
Piacevole alla vista e al naso.
Corretto, senza sbavature di sorta.
Delicato nei sentori semplici e ben definiti.
Forse bollicine, ops… 🙂 un perlage non troppo elegante con una grana leggermente grossa (non grossolana)
Buona beva, con discreta acidità e piacevole allungo.
Non particolarmente elettrico ma fortunatamente completamente secco, senza alcun fastidioso residuo che lo “allarghi” pericolosamente.
Anche all’assaggio dimostra una certa delicatezza.
E una piacevole fragranza.
Se posso, nel mio piccolo panel, risulta essere il più convincente e il più beverino assieme al Ferrari.
Anche in questo caso non è la bottiglia della vita.
Ma se una sera, all’improvviso, mi viene voglia di una bolla a un prezzo accettabile, allora sì, diventa una bottiglia da prendere seriamente in considerazione.

Tags:

About enofaber