Verdicchio di Matelica Passito Doc 2005 – Bisci

Disclaimer: bottiglia acquistata. Circa 15 euro.

Ammetto che, per bieco campanilismo, per me il Passito è sinonimo di casa, ossia Canavese.
Ma allo stesso tempo sono consapevole che esistano in ogni dove passiti di grande piacevolezza e ricchi di sorprese.
E questo Verdicchio di Matlica Passito 2005 di Bisci rientra nella tipologia.
Innanzitutto perchè è Verdicchio. Sarà, ma il Verdicchio è stato ampiamente svalutato e sottovaluto in tutti questi anni.
Poi perchè dimostrata piacevolezza non da poco.
E infine perchè, tanto per ritornare sul concetto di quanto conti il contesto, è stato il coronamento di una piacevolissima cena.
Cena che come finale doveva vedere un Passito di Chambave del 1998. Purtroppo il tappo non ha retto e il vino era imbevibile.
E quindi mi sono giocato la carta di riserva con questa bottiglia.
Il risultato è stato pari a quando un allenatore in crisi butta in campo il giovane promettente della primavera a pochi minuti dal termine e questo ripaga la fiducia con un gol capolavoro.
Ecco, stesso effetto.
Vino passito giovanissimo, ancora un po’ scalpitante e “caldo”.
Ma ha stoffa e carattere.
Sentori abbastanza tipici del passito, con la frutta candita.
Un sorprendente ricordo di erbe e tante spezie.
Grande acidità e lunghezza.
Anche in questo caso una bevuta davvero azzeccata.
Da ripetere, magari tra un po’ di tempo e con qualche anno in più sulle spalle.

Tags:

About enofaber