Freisa d’Asti Doc Vivace Gigin 2010 – Pianfiorito

Disclaimer: bottiglia acquistata direttamente dal produttore. Circa 4 euro

Non sono un fan dei vini rossi vivaci.
E soprattutto, ritrovando questa bottiglia di Freisa d’Asti Vivace 2010 di Pianfiorito in cantina, ero molto dubbioso sul contenuto.
Ho in testa l’idea che un vino vivace vada bevuto abbastanza in fretta, per non perdere le qualità.
Oltretutto ho compiuto un gesto che mai avrei pensato di fare: mettere la bottiglia in frigorifero per abbattere la temperatura.
Bhè, non è la bottiglia della vita.
Ma devo dire che sono rimasto piacevolmente sorpreso, trovando conferma di quello che avevo intravisto mesi addietro.
Infatti quando l’assaggiai dal produttore, mi stupii per la fragranza e i profumi molto eleganti e netti.
E quel suo essere delicatamente vivace mi conquistò, tanto che decisi di acquistarne qualche bottiglia.
Bene, ha perso un po’ di vivacità ma non in maniera così decisa come mi sarei aspettato.
I profumi sono sempre giocati sui fiori e sui frutti. Sicuramente meno fragranti rispetto al passato, un poco più evoluti.
Davvero poco.
In bocca è piacevole, con quel finale leggermente amarognolo piacevole.
E quella lieve vivacità, unita a una discreta acidità, ripulisce ben ben la bocca.
Per 4 euro una bottiglia da avere ogni tanto sulla propria tavola.
Senza sfigurare e con il suo perchè.

Tags:

About enofaber