Franciacorta Rosé Brut – Uberti

Acquistato in GDO, circa 13 euro

La voglia di bollicine continua a rimanere. Anzi, si rafforza sempre più.
Mi piacerebbe assai frequentare qualche corso specifico, tipo l’Ecole de Champagne o cose del genere.
Purtroppo dalle mie parti non trovo nulla del genere e i costi sono tendenzialmente alti per le mie attuali finanze.
Quindi cerco di “studiare” da solo, applicandomi con bevute varie.
Anche pescando dalle corsi della GDO, come nel caso di questo Brut Rosè di Uberti (sboccatura giugno 2012).
Che dire?
Buon rapporto qualità prezzo: per essere una bottiglia di metodo classico proveniente dalla GDO è più che soddisfacente.
Ovvio, in assoluto ho bevuto di meglio.
Ma questo non sfigura più di tanto.
Forse una bolla un po’ grossolana e profumi non perfettissimi, giocati soprattutto sul lievito e le classiche note di pane un po’ “artefatte”.
Però una buona beva, discreta acidità, a modo suo elegante e non di quelli che ti bloccano lo stomaco a mo’ di coca-cola facendoti solo ruttare come una bestia.
Diciamo che rispetto ad altre bolle da GDO provenienti da etichette ben più affermate, questa bottiglia ha pieno diritto di stare, ogni tanto, sul desco. A modo suo regala soddisfazioni: piccole, di sicuro.
Ma anche le piccole soddisfazioni, a modo loro, aiutano assai.

English Version on WebFlakes: click here

Tags:

About enofaber