Toscana IGT Tenuta Frescobaldi di Castiglioni 2010 – Marchesi di Frescobaldi

Bottiglia ricevuta in omaggio in un tasting panel organizzato dal produttore

Obiettivamente e sinceramente ammetto che, pur non essendo nelle mie corde, questa bottiglia mi è piaciuta.
Nulla per cui strapparsi i (pochi) capelli rimasti. Però si fa piacere, nonostante possa riscontrare alcuni aspetto che non mi convincono del tutto.
Ma un vino, come una persona, va vista nell’insieme: è sempre una ricerca di equilibrio.
Non ho amato una certa perfettina perfezione che ti fa capire che ci sono 50/100/150 sfumature di piacere tra il tuo ideale di bello e quello che poi ti offre la realtà.
Ecco, se posso, un azzardo un po’ piccante: questa bottiglia, almeno ai miei occhi, rappresenta la classica fanciullina carina che non ti entusiasma particolarmente ma con cui passeresti volentieri una nottata.
Senza una ragiona specifica, forse per sentirsi meno soli.
Questo uvaggio bordolese, con l’aggiunta del Sangiovese per toscanalizzarlo un po’, si lascia guardare nel suo apparire un po’ cupo e impenetrabile.
Si lascia annusare mostrandosi con semplicità, giocato su frutto rosso un po’ maturo e le spezie che ricordano evidentemente il suo passaggio in legno.
Però l’assaggio, alla fine, convince: tutto sommato snello e guizzante, la beva non risulta per nulla pesante. Cosa che non mi sarei aspettato da una prima idea sentendo profumi e guardando il colore.
Giusto in ogni sua componente, si fa bere senza porre e senza porti troppe domande.
Piacevole, nell’insieme.
Un bicchiere che val bene una serata senza troppo impegno.

English Version on WebFlakes: click here

Tags:

About enofaber