Barbera d’Asti Doc 2009 – Luigi Spertino

Bottiglia acquistata tempo fa. Non ricordo il prezzo

Lo so, di questo vino ne avevo già parlato in passato.
Però ci sono giorni, meglio, sere in cui se decidi di aprire una bottiglia di vino non hai voglia di esplorare nuovi lidi ma al contrario di affidarti a qualcosa di conosciuto e “certo”.
Come una coperta calda, come qualcosa che ti protegge e avvolge. Qualcosa che ti dia certezze, già che di certezze ce ne sono sempre meno nella vita.
La Barbera 2009 di Spertino è proprio così: una bella barbera, completa, avvolgente, piacevole, bevibilissima.
Di quei bicchieri che non stancano, anzi al contrario si fanno bere con pericolosa semplicità e immediatezza. Bel bicchiere nel suo colore compatto e intenso, che rapisce la luce per splendere ancora di più. E poi ci sono i profumi, dove la frutta la fa ancora da padrone ma una certa leggera evoluzione sembra avanzare, donando atmosfere e “colori” su cui indugiare e, per quanto nuovi o non trovati in passato, fanno ancora parte di quelle sfumature di certezza.
Sulla beva mi sono già espresso: pericolosamente efficace e invitante.
Sì, ci vuole ogni tanto qualche certezza: e se non te lo dà il lavoro, gli affetti o altri aspetti della vita, allora va bene, una volta ogni tanto, ritrovarla in un bicchiere di vino.
Perchè non si può essere sempre superman, splendidi e perfetti.
Ogni tanto si ha solo voglia di chiudersi in un piccolo involucro di effimere sicurezze per tenere lontano ciò che regala incertezza o malessere.
Poi tanto ci pensa la realtà a sbatterti in faccia le sue incertezze.

English Version on WebFlakes: click here

Tags:

About enofaber