Vino in Valle – prime recensioni online (e mie riflessioni)

Bhè, come ho scritto nella parte dei ringraziamenti del libro, per affrontare questa avventura ci va un briciolo di presunzione e un po’ di incoscienza.
Però poi, una volta finito tutto, con il libro stampato, inevitabilmente ci si sottopone al giudizio degli altri: onestamente non nascondo che nei giorni antecedenti l’uscita del libro questo aspetto mi inquietava non poco. Per mia insicurezza, per mia paura di non aver fatto il meglio e via dicendo.
Sono il primo ad essere profondamente autocritico: so bene che alcune cose potevano essere affrontate in maniera differente e se mai capiterà l’occasione di una seconda fatica del genere avrò forse le idee un po’ più chiare su alcuni aspetti. Ciò non toglie che, alla fine della fiera, sia soddisfatto del risultato finale.

Comunque, dicevo… ci si sottopone al giudizio degli altri. E finora, con il sorriso sulle labbra, devo dire che le parole lette sul libro sono assolutamente lusinghiere. Ovviamente me ne compiaccio, sia chiaro.
Dall’altra parte, però, mi piacerebbe ricevere anche eventuali rilievi (che non siano solo segnalazioni di refusi: grazie Roberto Stocco per la nota che mi hai inviato): non è per autolesionismo o altro, semplicemente per migliorare, perchè se una critica viene fatta nel modo giusto è sempre portatrice di riflessione.

Qui le prime recensioni ricevute (messe in ordine temporale di apparizione):

Lavinium: Nome d’arte “Enofaber”: il vino in Valle d’Aosta raccontato da Fabrizio Gallino, a firma di Roberto Giuliani

La Stanza del Vino: L’entusiasmante viaggio tra vignerons della Valle D’Aosta di Fabrizio Gallino!, a firma di Michelangelo Tagliente

Taccuini Storici: Vino in valle – Fabrizio Gallino, a firma di Stefano Buso

Vinit: Con il libro “Vino in Valle” alla scoperta della Valle d’Aosta, a firma di Luciano Pavesio

Gli Amici del Bar: Vino in Valle di Fabrizio Gallino edizioni Giramondo Gourmand, a firma di Luigi Fracchia

Buona lettura.
Ah, visto che mi è stato ancora chiesto oggi, ricordo che il libro è in vendita direttamente sul sito dell’editore www.giramondogourmand.it

About enofaber