Vino Rosso Victoret – Azienda Agricola Minuzzo

victoret

Come “vino rosso” non può riportare l’annata in etichetta. Ma è figlio del 2013, annata che sto assaggiando sistematicamente e che, al di là di piccole sbavature imputabili alla gioventù, mi sta sorprendendo per la finezza che riesce ad esprimere, in particolar modo nei vini rossi.
Come dico sempre non bisogna mai aspettarsi potenza e muscoli dai vini valdostani (fatte le dovute e doverose eccezioni, sia chiaro): ecco, il Victoret di Gabriella Minuzzo corrisponde perfettamente a vitigno e annata.
Il vitigno è il mayolet, quello che viene chiamato anche “il vino dei signori”, proprio per indicare una sua intrinseca eleganza e finezza: fino a pochi anni fa era un vitigno poco diffuso, forse anche a rischio di “estinzione” mi viene da pensare, sempre usato come uvaggio per altre tipologie. Per fortuna negli ultimi anni si è assistito a una sua rinascita e alla vinificazione in purezza.
Quindi, unendo annata e peculiarità tipiche del mayolet, nel bicchiere troviamo un vino dal rosso rubino non particolarmente intenso, con profumi delicati che vanno dal frutto alle erbe e un leggerissimo ricordo speziato che sono la cornice per una bevuta dove freschezza, tannini sottili e un corpo discreto si muovono in un piacevolissimo tutt’uno che invoglia a riempirsi nuovamente il bicchiere.
Insomma, vivamente consigliato. Come consiglio vivamente la salita a Challand Saint-Victor, per andare a trovare la produttrice: una piccola cantina, semplice e “ruspante”, dove sentirsi un po’ a casa.

About enofaber