AOC Alsace Riesling 2008 – Trimbach

IMG_20141203_203037

E all’improvviso ti scatta la voglia di riesling.
In realtà questa voglia è sempre presente ma non è possibile soddisfarla. Poi hai il lampo di genio, ti ricordi di quella bottiglia acquistata chissà quando e che avevi volutamente “nascosto” per non assaggiarla subito.
Hai voglia di qualcosa con cui confrontarti, nulla di piacione, morbido, semplice.
Vuoi sberle, non carezze.
Oddio, detta così sembra un po’ sadomaso. Rifacciamo 🙂
Hai voglia di qualcosa di verticale, tagliente, preciso. Non desideri morbidezze ma durezze.
Eccoti servito. Riesling, 2008. Giovanissimo, ancora imberbe, elettrico e un po’ irridente nel suo essere irruento.
Un vino che al naso inizia ad offrire i primi timidi sentori che vanno al di là di fiori, erba e frutta.
E in bocca è teso, vibrante. Il primo sorso quasi irritante per acidità e sapidità mostrate.
Quello che volevi insomma.
Non cede di un passo, non si siede, non si ammorbidisce. Neppure 24 ore dopo: continua a mantenere fermo il suo essere duro.
Bello. Peccato non averne più.

Tags:

About enofaber